Skip to content

Tandava

Tandava è classicamente la danza di Siva che crea, preserva e distrugge. A un livello più profondo, essa rappresenta la danza dell’energia che culmina con il riassorbimento nella pura coscienza.

Esistono numerose interpretazioni tradizionali di questa danza, alcune delle quali molto vigorose.

La pratica qui proposta, scevra dagli aspetti religiosi e folkloristici, è invece un movimento sottile, dettato dall’ascolto tattile dello spazio fino al dissolvimento nel silenzio.

Come il macellaio dell’imperatore nel Chuang-tsu non consumava mai il proprio coltello perché penetrava l’animale seguendone gli interstizi, così nel tandava si apprende ad ascoltare un movimento che non è del tutto volontario né involontario, lasciando emergere tra gli spazi la tranquillità senza forma che è sempre presente nello sfondo.

La pratica è adatta sia a chi pratica già yoga e vuole scoprire un approccio diverso al movimento, sia a chi pratica Qi Gong e Tai Chi.

Gli orari

Le lezioni si tengono ogni mercoledì dalle ore 20:00 alle 21:00

Richiedi informazioni

Le lezioni si tengono presso la nostra sede di Corso XXIII Marzo 17 a Novara.
Per prenotare una lezione di prova e per informazioni, puoi contattarci al 349 2462987 oppure puoi scriverci con questo modulo:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Utilizzando questo modulo accetti che questo sito registri e gestisca i dati di contatto che inserisci (nome e email), necessari perché possiamo rispondere alla tua richiesta.

Per approfondire

Yoga, o la (re)invenzione di una tradizione: intervista a Marco Passavanti

Per questa intervista ho voluto rispolverare L’invenzione della tradizione, lettura che risale ai miei ormai lontani anni come studente universitario, perché è un titolo che ricorre spesso nella mia mente quando si parla delle origini dello yoga e dei suoi spesso fumosi rapporti con la pratica odierna. La raccolta di saggi curata da Eric J. Hobsbawm […]

Ridimensionando lo Iyengar che è in me

Ovvero dell’autorità, dell’idealismo, dell’irrealizzabile perfezione che sfugge sempre più in là per chi cerca di allinearsi a un solo piano. C’è un’immagine che mette a confronto il giovane B. K. S. Iyengar del 1934 e quello ottuagenario del 2003. Il titolo celebra quasi sovieticamente i progressi compiuti negli anni nel perfezionare Utthita Trikonasana, la posizione […]