Skip to content

Meditazione

Che cos’è la meditazione? In realtà, la meditazione propriamente detta è uno stato al di là della mente ordinaria e del suo continuo flusso di pensieri: proprio per questo non può essere definita a parole.

Esistono numerosissime vie – tradizionali e non – che hanno elaborato le più svariate tecniche meditative per educare la mente alla concentrazione e alla consapevolezza dei pensieri e delle sensazioni corporee.

Tuttavia le antiche tradizioni riconoscono che la meditazione avviene spontaneamente, quando se ne verificano le condizioni.

Nel corso di meditazione di Zénon utilizziamo tecniche che derivano dalla tradizione yogica indiana, tibetana e taoista. Intendiamo offrire una visione della pratica il più possibile aperta, proprio perché vogliamo evitare la comune confusione tra il mezzo (ovvero la tecnica in sé) e il fine (la meditazione propriamente detta).

Tuttavia, riteniamo che la meditazione senza una adeguata preparazione corporea e respiratoria sia un esercizio sterile, e spesso controproducente, anche perché le tecniche utilizzate durante la meditazione richiedono una certa esperienza.

Per questo, prima di accedere alla lezione di sola meditazione, richiediamo a ogni allievo di frequentare almeno per un certo periodo le lezioni di Yoga, in modo da ricevere una preparazione completa.

Gli orari

LunedìMartedìMercoledìGiovedìVenerdìSabato
Meditazione
20.00
21.00

Lunedì

LunedìMartedìMercoledìGiovedìVenerdìSabato
Meditazione
20.00
21.00

Lunedì

No events available!

Richiedi informazioni

Siccome richiedono la padronanza di alcune tecniche respiratorie, le lezioni di meditazione sono aperte a chi frequenta anche il corso di yoga.
Come per ogni corso di Zénon, la lezione di prova è gratuita.
Per informazioni, puoi contattarci al 349 2462987 oppure puoi scriverci con questo modulo:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Utilizzando questo modulo accetti che questo sito registri e gestisca i dati di contatto che inserisci (nome e email), necessari perché possiamo rispondere alla tua richiesta.

Per approfondire

C’è differenza tra yoga(asana) ed esercizio fisico?

Oggi vi è molta attenzione agli aspetti anatomici e biomeccanici degli asana yogici, soprattutto per quanto riguarda la possibilità di adattarne la pratica a un pubblico di massa, con tutta la varietà di condizioni fisiche che questo comporta. Tuttavia, questi aspetti, pur essendo oggi imprescindibili per la pratica e per l’insegnamento, non bastano a spiegare […]

La gravidanza non è smart, ovvero l’impazienza della dolce attesa

Il tuo cambiamento interiore viene negato socialmente. Più che una persona in trasformazione, sei vista come portatrice di un bambino. La maternità è vista come un’interruzione fastidiosa del ritmo di lavoro e come una parentesi inevitabile di passaggio, da chiudere prima possibile. Verena Schmid, Venire al mondo e dare alla luce L’opportunità o meno di […]

Yoga, o la (re)invenzione di una tradizione: intervista a Marco Passavanti

Per questa intervista ho voluto rispolverare L’invenzione della tradizione, lettura che risale ai miei ormai lontani anni come studente universitario, perché è un titolo che ricorre spesso nella mia mente quando si parla delle origini dello yoga e dei suoi spesso fumosi rapporti con la pratica odierna. La raccolta di saggi curata da Eric J. Hobsbawm […]

Ridimensionando lo Iyengar che è in me

Ovvero dell’autorità, dell’idealismo, dell’irrealizzabile perfezione che sfugge sempre più in là per chi cerca di allinearsi a un solo piano. C’è un’immagine che mette a confronto il giovane B. K. S. Iyengar del 1934 e quello ottuagenario del 2003. Il titolo celebra quasi sovieticamente i progressi compiuti negli anni nel perfezionare Utthita Trikonasana, la posizione […]

De-costruire il corpo: Ardha Matsyendrasana

Matsyendrasana è una delle asana archetipiche dello yoga: non a caso è dedicata alla figura semi-leggendaria di Matsyendra, considerato uno dei capostipiti della tradizione dello Hatha Yoga. Qui è presentata la sua forma parziale, Ardha Matsyendrasana (la versione completa contempla una gamba in semiloto). Perché la posizione non si limiti alla superficie, occorre dimenticarsi di […]